Supermoto – Thomas Chareyre vince il Gran Premio d’Italia disputato a Busca

Nelle gare del Supermoto Italian Trophy buoni risultati per i conduttori del moto Club Drivers Cuneo

Busca, 11-12 giugno. Due belle giornate di sole hanno accompagnato l’intenso programma di prove, qualifiche e gare del Gran Premio d’Italia di Supermoto disputato sul Kart Planet di Busca sabato e domenica scorsi, richiamando un discreto pubblico.

La torinese DBPROM, promotore dell’evento, si è appoggiata al Moto Club Drivers di Cuneo ed ai gestori della pista, Lilia Imani, suo figlio Cesare Speranza e tutto il loro staff  per l’organizzazione di questa gara, che si è avvalsa della preziosa collaborazione di Regione Piemonte, Azienda Turistica Locale del Cuneese, Città di Busca e di Fossano, oltre che Moto Club Fossano.

Le gare più attese, quelle del Mondiale S1GP sono state molto combattute e spettacolari, con sorpassi emozionanti ed alcune piccole scivolate, che hanno visto più volte rimescolarsi le carte.

Il tedesco Marc Reiner Schmidt (TM Degasoline Motorsport) si è imposto in gara uno precedendo il ceco Pavel Kejmar (KTM MTR) ed il francese Thomas Chareyre (TM Racing Factory), che si è però rifatto nella seconda frazione di gara aggiudicandosela davanti a Keimar ed a Scmidt.

La somma punti ha dato ragione a Thomas Chareyre, che si è così aggiudicato il Gran Premio d’Italia, regolando Scmidt e Kejmar, rafforzando così la sua leadership in campionato. In settima posizione si è classificato il piemontese Gabriele Gianola (Honda).

La gara dell’Europeo S2 è andata al marchigiano Diego Monticelli (TM Racing Factory), che ha vinto entrambe le manche davanti al leader di campionato, il ceco Petr Vorlicek (Suzuki). Terzo classificato il giovane Lorenzo Promutico (Honda Gazza Racing).

Molto combattute anche le gare di contorno, che hanno visto protagonisti i piloti che prendono parte al SIT (Supermoto Italian Trophy), con molti cuneesi, tutti del Moto Club Drivers Cuneo, ai nastri di partenza.

La SM1, classe che racchiude tutti i migliori, ha visto scattare entrambe le volte al comando il trini tese Mauro Cucchietti (Drivers Cuneo), che ha dovuto poi cedere a Mickael Amodeo (Boffa Villar Perosa), concludendo la gara in seconda posizione assoluta, lasciandosi alle spalle Mirco Cavalleri (Pro Sport Racing).

Nella SM2 A Guido Fulgoni si è imposto su Silvio Sasso e Fabio Rugon, quarto il beinettese Marco Pisarra (Drivers Cuneo) mentre nel gruppo B della SM2 Simone Mauro ha preceduto Dario Ciani ed il cuneese Fabrizio Carlino (Drivers Cuneo) che dopo aver vinto la prima manche è partito nelle retrovie nella seconda, producendosi in una proficua vittoria che lo ha portato fino al podio.

L’ultima categoria in programma, quella riservata alla SMV, dove i piloti corrono esclusivamente su asfalto, la vittoria è andata a Kevin Vandi, che ha preceduto il maglianese Enrico Veglia (Drivers Cuneo) e Matteo Silenzi, alle cui spalle sono terminati gli altri due conduttori cuneesi William Fusetto e Simone Valorso.

 

Dario Malabocchia